ilBLOGotto



Cibo - Consigli - Curiosità 





Vecchia Roma Resort | camere in zona Aventino con wifi, TV, frigo bar, servizio parcheggio, cooking class, trattamento schiatsu, cucina per colazione, brunch, idee regalo

Fare il limoncello in casa



Ingredienti per 2 lt di limoncello:
– 8-10 limoni non trattati
– 1 litro di alcool a 90°
– 600 gr di zucchero
– 1 litro di acqua

---------

Per prima cosa lavate accuratamente i limoni.
Asciugateli bene con un panno pulito.
Preparate l’alcool e un vaso di vetro con tappo abbastanza capiente.

Con un coltello o un pelapatate togliete la buccia sottilissima ai limoni, stando attenti a non prendere la parte bianca; mette le bucce nel contenitore di vetro e aggiungete l’alcool.
Chiudete il recipiente di vetro e lasciate le bucce a macerare nell’alcool per una settimana, agitando di tanto in tanto il recipiente; vedrete che l’alcool diventerà sempre più giallo e le bucce di limone sempre più chiare.

Trascorsi i 7 giorni, preparate lo sciroppo di acqua e zucchero; in una pentola mettete a scaldare l’acqua quindi aggiungete lo zucchero
Scaldate a fuoco dolce mescolando fino a che lo zucchero non si sarà tutto disciolto quindi spengete e fate raffreddare
Unite lo sciroppo alle bucce macerate nell’alcool e mescolate bene.

Ed ecco il nostro limoncello pronto per essere filtrato.
Procedete filtrandolo, aiutandovi con un colino e un altro recipiente capiente.
Ora è pronto per essere imbottigliato.


Matriciana: la storia di un piatto conosciuto nel mondo



L’Amatriciana, o ‘matriciana in romanesco, è un condimento per la pasta che ha preso il nome da Amatrice, cittadina in provincia di Rieti, fino al 1927 in Abruzzo. Gli ingredienti principali sono: guanciale, formaggio pecorino e pomodoro. È inserita nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali laziali. L’antenata della amatriciana è la gricia (o griscia), ovvero stesso piatto senza il pomodoro, quest’ultimo difatti venne importato in Europa alla fine del diciottesimo secolo. Il nome Griscia proviene da un paesino a pochi chilometri da Amatrice, frazione del comune di Accumoli, di nome Grisciano. La ricetta fu inventata dagli antichi pastori, che andavano per pascoli con strutto, pasta secca, guanciale, pepe nero e pecorino. Nell’Ottocento e sino all’inizio del Novecento, la popolarità della Amatriciana a Roma si accrebbe considerevolmente, questo avvenne a causa degli stretti contatti – a quel tempo già pluricentenari — tra Roma ed Amatrice. A quei tempi, parecchi osti e trattori della città erano originari di Amatrice, cosicchè il termine “Matriciano” venne a significare “locanda con cucina”. L’Amatriciana fu estremamente bene accolta e (anche se nata altrove), venne rapidamente considerata un classico della cucina romana. Il nome della pietanza in romanesco divenne ‘matriciana a causa dell’aferesi tipica di questo dialetto.



Vecchia Roma Resort | camere in zona Aventino con wifi, TV, frigo bar, servizio parcheggio, cooking class, trattamento schiatsu, cucina per colazione, brunch, idee regalo

Fare la pizza in casa



Ingredienti
Farina Manitoba 200 g
Farina 00 300 g
Acqua a temperatura ambiente 300 ml
Sale fino 10 g
Lievito di birra fresco (oppure 1,5 se secco) 4 g

Come prima cosa versate i due tipi di farine in una ciotola, sbriciolate il lievito all'interno e versate un po' della dose di acqua.
Mescolate con un mestolo di legno e aggiungete lentamente l'acqua. Continuate sempre a mescolare e quando avrete aggiunto circa metà dell'acqua potrete aggiungere anche il sale.
Unite poi l'acqua rimasta, sempre lentamente, sino ad ottenere un composto omogeneo; aiutatevi con le mani per lavorarlo meglio. Infine trasferite l’impasto sul piano da lavoro e lavoratelo con le mani fino a che non sarà liscio e omogeneo.
Ottenuto un bel panetto liscio, lasciatelo riposare sul piano di lavoro per una decina di minuti coprendolo con la ciotola. Una volta riposato dategli una piccola piega: immaginate che la sfera sia divisa in 4 parti, prendete l’estremità di ognuna, tiratela delicatamente e ripiegatela verso il centro. Date poi una piega all'impasto.
Dategli la forma di una sfera. Trasferite l'impasto in una ciotola, coprite con pellicola trasparente e lasciate lievitare. Potete mettere la ciotola in forno spento ma con la luce accesa. Mediamente l’impasto dovrebbe impiegare 6 ore a raddoppiare di volume.
Trasferite l’impasto su una teglia precedentemente unta, tirate l’impasto e coprite con un canavaccio lasciando riposare per altri 30 minuti. Trascorso il tempo condite la pizza a vostro piacimento.
Infornate a 250° in forno statico per 25/30 minuti.